fbpx
Loading...
Home /

Danza Orientale Del Ventre con Samir Ben Mokthar da Ottobre

0069 Poker d' Assi

Mercoledì 19:00 – 20:30 

Open Level 

 

La Danza Orientale del Ventre:

Esistono moltissimi benefici a livello psichico e corporeo che derivano dalla pratica di quest’antichissima danza, che nacque circa 4000 anni fa nell’antica Babilonia, nella parte Sud dell’attuale Iraq, come rito propiziatorio della fertilità e che veniva esercitata per facilitare il parto.

Può favorire un miglioramento della circolazione sanguigna, del flusso mestruale nelle donne, dei movimenti intestinali e una riduzione dei dolori lombari e cervicali.
I movimenti tipici del bacino e lo scioglimento dei muscoli della parte superiore del corpo permettono il rilascio delle tensioni, l’acquisizione di una maggiore consapevolezza corporea e del Sè, e una riscoperta della propria femminilità.

Lezione tipo:
Circa mezz’ora di riscaldamento su musiche “oriental-soft”:
in questa fase si isolano i muscoli e le ossa, sia con esercizi in piedi che a terra
si passa poi allo studio dei passi e dei movimenti tipici della danza orientale e le sue eventuali correzioni, ed infine si balla

 

Il maestro SAMIR BEN MOKHTAR:
Nato in Tunisia
Nel 1982 frequenta la scuola statale di Danza Folkloristica Tunisina per 3 anni, approfondendo gli studi sulla Danza Libanese, Danza del Deserto Tunisino, Danza del Marocco. Si trasferisce a Roma nel 1985.
Nel 1992 inizia a studiare danza moderna con il maestro Gilberto. Frequenta lo I.A.L.S. studiando danza classica con il Maestro Bennati per 2 anni, danza jazz e funky con il maestro Jerva per 6 anni, danza orientale con il maestro Saad Ismail per 6 anni, danza jazz e funky con il maestro Manolo Casalino per 8 anni e danza moderna con il maestro Astolfi. Ha frequentato tutti gli Stage del maestro Reda Mohamed per 6 anni.
Dal 1995 al 1997 frequenta la danza orientale in Francia, a Parigi.
Diventa Maestro ed inizia ad insegnare la Danza Orientale dal 2004 in diverse scuole e palestre di Roma

0071 SAMIR

Commenti(0)

Lascia un commento